RESISTENZA IN CUCINA

Dalla quarta di copertina:

“Resistenza in cucina: è così che si può definire il contenuto del libro di Bruna Bertolo che non è una semplice raccolta di ricette, ma un’immersione vera e propria nel quotidiano degli Italiani negli anni della Seconda Guerra Mondiale. Nel volume, accanto alle ricette suggerite dalla fantasia delle donne del tempo, ritrovate nei giornali o raccolte attraverso preziose testimonianze orali, molte pagine di costume, storie personali  di coraggio e di sacrificio in un’Italia devastata dai  bombardamenti e trasformata radicalmente anche nelle sue abitudini alimentari. E mentre di giorno in giorno cresceva la fame, in cucina le donne “nutrivano” la loro creatività con le ricette del “poco e del senza”, come evidenzia la prefazione di Pier Franco Quaglieni”.

Lunedì 20 Aprile 2020

L’associazione Formeduca considera importante ricordare la Festa della Liberazione in quanto è un momento fondamentale della storia d’Italia che ha segnato l’inizio della Repubblica ed è alla base dei principi costituzionali.Per questo è ormai da alcuni anni che organizza eventi di approfondimento di questa nostra storia recente.Quest’anno era in programma la presentazione del libro di Bruna Bertolo “Donne e cucina in tempo di guerra”, ma l’emergenza sanitaria non ci permette di partecipare tutti insieme all’incontro con l’autrice, così abbiamo pensato di fornirvi un assaggio di alcuni interessanti contenuti del libro. Non a caso parliamo di “assaggio” in quanto vi presenteremo una ricetta al giorno durante tutta la settimana in cui cade il 25 aprile. Sono ricette semplici e con ingredienti poveri, adatti alla resistenza quotidiana che le donne erano costrette a fare in cucina durante il periodo di guerra.E’ nostra intenzione trovare il modo e l’occasione per incontrare Bruna Bertolo quando il contatto ravvicinato non costituirà più motivo di preoccupazione.

Martedì 21 Aprile

Secondo giorno e seconda ricetta tratta dal bel libro di Bruna Bertolo “Donne e cucina in tempo di guerra” che avremmo dovuto presentare in occasione della Festa della Liberazione di quest’anno. In questo periodo di isolamento forzato nelle nostre abitazioni, molti si cimentano ai fornelli e queste ricette con ingredienti semplici ed economici ci riportano ad un periodo ben più duro, quando era difficile procurarsi molti alimenti e la fame accompagnava le giornate dei nostri genitori e nonni. Una situazione che abbiamo avuto la fortuna di non conoscere ed è difficile per noi immaginare.

Mercoledì 22 Aprile

La cucina povera del periodo bellico cercava di non buttare nulla e con un po’ di fantasia rendeva appetibili anche le bucce. Ecco la terza ricetta estratta dal libro “Donne e cucina in tempo di guerra” di Bruna Bertolo.Un libro interessante che racconta la vita quotidiana e come le donne dovevano ingegnarsi per mettere insieme il pranzo e la cena per tutta la famiglia. In questo libro non ci sono soltanto ricette, si raccontano le attività femminili e il contributo che le donne diedero durante la guerra alla resistenza. Ci sono stralci delle numerose lettere inviate al duce, copertine di riviste e manifesti pubblicitari, fotografie dell’epoca e riproduzione di importanti documenti, come le tessere annonarie. È un libro pieno di curiosità e ricco di spunti.

Giovedì 23 Aprile

Durante la guerra la carne era un lusso che in pochi si potevano permettere, così ci si accontentava delle frattaglie e sono molte le ricette che ne fanno uso. Proponiamo due ricette che hanno come ingrediente principale il polmone, anche queste tratte dal libro “Donne e cucina in tempo di guerra” di Bruna Bertolo

 

Venerdì 24 Aprile

Quando gli omogeneizzati non esistevano e le dentiere erano un lusso, ecco una ricetta semplice, economica e nutriente. Queste due ricette sono un esempio di come si poteva riutilizzare il pane secco, adatte al periodo bellico ma sicuramente molto usate dalle persone povere e nell’ambiente contadino, quando non si buttava nulla. Siamo verso la fine di questa iniziativa: una ricetta al giorno tratta dal libro di Bruna Bertolo “Donne e cucina in tempo di guerra”. Un modo un po’ insolito per celebrare la Festa della Liberazione

Sabato 25 Aprile

Oggi ricorre il 75° anniversario della liberazione d’Italia dall’occupazione nazifascista.
Il 25 aprile del 1945 il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia, che aveva sede a Milano, proclamò l’insurrezione generale in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti. Alcune città erano già insorte nei giorni precedenti ma entro il 1° maggio tutta l’Italia fu liberata. Questa data segna la fine di vent’anni di dittatura fascista e cinque anni di guerra.Purtroppo, a causa dell’epidemia di covid-19, quest’anno non ci è possibile celebrare la festa come abbiamo fatto gli altri anni, ma abbiamo voluto ricordare il periodo difficile che i nostri genitori e i nostri nonni vissero, pubblicando le ricette semplici ed economiche tratte dal libro “Donne e cucina in tempo di guerra” di Bruna Bertolo. Un libro che inquadra bene le difficoltà quotidiane che, soprattutto le donne, dovevano affrontare.

Domenica 26 Aprile

Per la giornata domenicale abbiamo riservato due ricette che hanno come protagonista la polenta. Ingrediente povero, sempre presente sulle tavole contadine, che in questo caso si presta bene anche per un dolce.

Con oggi si conclude la nostra iniziativa: proporre una ricetta al giorno tratta dal libro “Donne e cucina in tempo di guerra” di Bruna Bertolo.Speriamo di avervi incuriosito a sufficienza. Il libro di Bruna offre molte interessanti notizie e curiosità ed è ricco di fotografie d’epoca. Un modo un po’ diverso, per approfondire il periodo bellico e la resistenza quotidiana che coinvolse tutti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.