PASSAGGI – FEDERICA

Qual è la cosa più significativa che ho fatto nella mia vita

Navigo con una calma apparente, quasi surreale, in giornate con cadenze regolari, quotidiane … ad un tratto sono colpita da un evento naturale: il mare attorno a me in tempesta.
Onde gigantesche che si gonfiano, mi danno schiaffi violenti e prepotenti, vortici profondi mi risucchiano, mi colpiscono e io incredula NON SO difendermi!
Un cielo sempre più nero, addirittura violaceo, si posa su di me e mentre navigo impaurita nelle acque più profonde di questo MALE in tempesta, il respiro è sempre più lento e faticoso.
Inizio ad affrontare la mia partita a ritmi decisi, precisi, ma anche qui regolari e giornalieri … in fondo come le mie vecchie giornate di calma apparente.
La differenza risiede nel fatto che combatto per risalire dai vortici, per riprendermi il mio respiro, la mia persona!
Con dolore e fatica, inizio ad intravedere una luce, rimasta oscurata per lungo tempo, farsi avanti intimidita.
Apro gli occhi, mi rialzo e con una lenta ripresa mi ritrovo a comprendere che la cosa più significativa di questa mia vita, è aver vinto la mia partita, la ripongo nel cassetto dei miei giorni con cadenze regolari e quotidiane, e mi lascio trasportare dalla brezza di questo delicato venticello che mi accarezza il viso.

 Federica

Un commento su “PASSAGGI – FEDERICA”

  1. L’acqua : il combustibile ed il comburente. Costretti insieme ( H2O) a generare un ambiente favorevole alla Vita, la nostra, conservano forse la memoria delle loro vampe nelle nostre emozioni scatenate da occasionali scintille del Male ?
    Non resta che vivere fino in fondo l’ Esperienza, risalire a galla e poi stendersi sulla spiaggia al sole ad asciugare il corpo esausto, le superate intense emozioni ed anche i panni per prepararsi ad viverne altrettante più favorevoli e gratificanti certamente in programma.-
    Michele … in veste di navigato naufrago

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.